Premijera ESERCITAZIONE ALLA VITA – SECONDA VOLTA / VJEŽBANJE ŽIVOTA – DRUGI PUT
Tratto dallo spettacolo di Nedeljko Fabrio e Darko Gašparović con la regia di Georgij Paro dell`anno 1990.

FIUME 2020 - CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA / RIJEKA 2020 - EUROPSKA PRIJESTOLNICA KULTURE
Regia / Režija:

Prima / Premijera: / 18. ožujka 2020.

Tratto dallo spettacolo di Nedeljko Fabrio e Darko Gašparović con la regia di Georgij Paro dell`anno 1990. / prema predstavi Nedjeljka Fabrija i Darka Gašparovića u režiji Georgija Para iz 1990. godine


Il Dramma Croato in collaborazione con il Dramma Italiano del Teatro Nazionale Croato Ivan de Zajc / Hrvatska Drama u suradnji s Talijanskom Dramom HNK Ivana pl. Zajca

All’inizio della scorsa stagione abbiamo annunciato lo spettacolo ispirato al romanzo “Leica format” di Daša Drndić, adattato da Goran Ferčec e diretto da Franka Perković, e in quel contesto abbiamo ricordato il leggendario spettacolo “Esercitazione alla vita” di Nedjeljko Fabrio, Darko Gašparović e Georgje Paro. Molti testimoni di quei tempi, di quel celebre spettacolo, ci hanno criticato per aver osato mettere nella stessa frase “Esercitazione alla vita” e “Leica format”. Ancora più grave: come ci siamo permessi di annunciare l’intera stagione con lo slogan “Esercitazione alla differenza”!?

Tuttavia, dopo la prima di “Leica format”, molti spettatori e spettatrici, addirittura alcuni dell’ambiente critico, hanno cominciato a collegare i due spettacoli, considerando “Leica format” una sorta di “Nuova esercitazione alla vita”. Questo forse significa che abbiamo cominciato finalmente, come pubblico e come teatro, ad emanciparci dallo spettacolo e dal tempo, o meglio, a liberarci dall’opera teatrale della Fiume del tempo, che da tre decenni ci perseguita come un irraggiungibile evento sociale, culturale e politico? Ci Perseguita, si, addirittura a tal punto che tutto il prodotto del (Fiumano) teatro ha potuto e dovuto essere comparato per decenni a “Esercitazione alla vita”, e alla fine anche il leggendario spettacolo stesso per via dei ricordi e degli estri si è ridotto a una sorta di “souvenir” retorico che è divenuto a suo modo la “maledizione” del teatro. Questo indica che è arrivato il momento di produrre “L’esercitazione alla vita – seconda volta”: dal principio, quindi nuovamente e in qualche nuova forma? Quando ci saremmo dovuto concederci questa domanda, come pubblico e come teatro, se non nell’anno in cui Fiume diviene la Capitale Europea della cultura?

/

Kada smo na početku prošle sezone najavili inscenaciju romana Daše Drndić „Leica format”, u adaptaciji Gorana Ferčeca i režiji Franke Perković, pa se u tom kontekstu prisjetili legendarnog „Vježbanja života” Nedjeljka Fabria, Darka Gašparovića i Georgija Para, mnogi su nam uzrujani svjedoci tih davnih dana i slavne predstave zamjerili što smo se uopće usudili u istu rečenicu staviti „Vježbanje života” i „Leicu format”. Još strašnije – dopustili smo si cijelu sezonu najaviti sloganom „Vježbanje različitosti”!?

Nakon premijere „Leice formata”, međutim, mnoge su se gledateljice i gledatelji, pa i oni iz sektora kritike, osmjelili povezivati dvije predstave i ovoj drugoj čak davati ocjenu „novog Vježbanja života”. Znači li to da smo se konačno – kao publika i kao kazalište – započeli emancipirati od predstave i vremena, odonosno predstave o riječkom vremenu, koja nas je tri desetljeća proganjala kao nedostižan društveni, kulturni i politički događaj? Proganjala, da, čak do te mjere da se sve što (riječko) kazalište može i mora biti narednih desetljeća mjerilo u usporedbi s „Vježbanjem života”, a što je naposljetku i samu legendarnu predstavu iz uspomene i inspiracije degradiralo u retorički „suvenir” i prometnulo u svojevrsno riječko kazališno „prokletstvo”? Znači li to da je došlo vrijeme za „Vježbanje života – drugi put”: iznova, dakle ponovno i na neki nov način? Kada bismo morali dopustiti to pitanje, sebi kao publici i kao kazalištu, ako ne u godini Rijeke kao Europske prijestolnice kulture?