Miscellanea,Francesco Godina, Toni Plešić

MISCELLANEA (quattro racconti di Nelida Milani / četiri priče Nelide Milani)
Nelida Milani

spettacolo d’autore / autorska predstava
Regia e drammaturgia /Režija i dramaturgija:
Scenografie / Scenografija:
Costumi / Kostimografija:
Disegno luci / Oblikovanje svjetla:
Assistente alla regia / Asistent redatelja:
Sandro Damiani
Interpreti/Glumci:
Direttore di scena / Inspicijent:
Sandro Damiani / Flavio Cossetto
Suggeritrice / Šaptačica:

Prima / Premijera: 21 aprile 2018 / 21. travanja 2018.

QUATTRO RACCONTI / ČETIRI PRIČE

L’INCONTRO / SUSRET
Francesco Godina – Toni Plešić

MADRE / MAJKA
adattamento scenico di / scenska adaptacija Elvia Nacinovich
Elvia Nacinovich – Lucio Slama

UNO E TRINO / JEDINSTVO I TROJSTVO
Ivna Bruck – Serena Ferraiuolo – Francesco Godina – Irena Tereza Prpić

VINICIO / VINKO
Ivna Bruck – Bruno Nacinovich – Elvia Nacinovich – Lucio Slama

Nelida Milani, non ha bisogno di presentazioni: è una nota scrittrice e linguista, uno dei massimi esponenti della cultura della Comunità Nazionale Italiana di Croazia e Slovenia, che ha pubblicato e ricevuto premi a livello internazionale. Lo spettacolo ripercorre i temi a lei cari quali l’esodo, la tragedia silente dei rimasti, lo sradicamento fisico e psicologico delle persone travolte dalla storia che trovano nella memoria e nella forza della quotidianeità un’ancora a cui aggrapparsi.

/

Nelidu Milani nije potrebno posebno predstavljati: poznata spisateljica i jezikoslovka, jedna od glavnih predstavnika kulture talijanske nacionalne zajednice u Hrvatskoj i Sloveniji, dobitnica brojnih međunarodnih nagrada.

Predstava objedinjuje njene najdraže teme, kao egzodus, tiha tragedija preostalih, bavi se i mukotrpnom tematikom netrpeljivosti spram nacionalnih i kulturnih manjina, govori o fizičkoj otuđenosti onih koji su otišli i unutarnjoj otuđenosti onih koji su ostali u zbilji koju nisu više mogli prepoznati svojom. Delikatno, ali precizno razlaže tematiku putovanja, sjećanja, otuđenosti i doma.


TRAJANJE PREDSTAVE:

Lo spettacolo dura cca settanta minuti. / Predstava traje oko sedamdest minuta.


Anteprima / Pretpremijera Comunità degli Italiani di Fiume/ Zajednica Talijana u Rijeci 19.4.2018.
Prima / Premijera Università popolare aperta di Parenzo – Teatro / Pučko otvoreno učilište Poreč – Kazalište 21.4.2018.


 

Foto & Video galerija

LA COMPLESSITÀ E LA BELLEZZA DELLA COMMEDIA UMANA

Perché a teatro quattro racconti di Nelida Milani? Perché portare in scena testi scritti per quel meraviglioso corpo a corpo che è la lettura? Perché cercare di dare volto e voce a personaggi e situazioni che dalla pagina scritta chiamano in causa, senza filtro alcuno, il lettore e la sua immaginazione? Perché rendere, cioè, rito collettivo, qual è uno spettacolo teatrale, un rapporto così singolare e individuale, come quello che scaturisce tra lettore e autore? Semplicemente perché i racconti di Nelida Milani, che non si è mai cimentata con la scrittura drammaturgica, sono non solo bellissimi, ma straordinariamente innervati su una lingua talmente viva, che, quasi pirandellianamente, chiede di uscire dalla pagina scritta e librarsi sulla scena. L’umanità che Milani descrive è palpitante, autentica: il suo trapasso sul palcoscenico sembra avvenire spontaneamente, con una naturalezza che ne giustifica la teatralità. Anche quando i dialoghi sono sostituiti dal racconto in terza o in prima persona. Stilema che abbiamo mantenuto nello spettacolo, proprio per sottolineare la potenza, evocativa e concreta insieme, della scrittura e della lingua di Nelida. I quattro racconti scelti per questa nostra „Miscellanea” sono tutti e quattro rappresentativi della poetica, profonda, della scrittrice polesana; i temi che la sostengono – la ricerca faticosa di un’identità, l’elaborazione di drammi come l’esodo, il peso di un’infanzia difficile o il rapporto spesso conflittuale con gli altri – prendono corpo con leggerezza dentro strutture narrative che rimandano a brevi scene. Scandite anche con i classici colpi di scena finali come ne „L’incontro”, nel ritrovarsi di un padre e di un figlio con il bisogno d’amore che cede sorprendentemente il passo al rancore e alla rabbia, o in „Uno e trino” e la potenza inesorabile dell’amore e, ancora, in „Vinicio”, tragicomica rappresentazione di una madre divorata da amore ossessivo e possessivo per il figlio. Mentre si fanno monologante ed emozionante flusso di coscienza le confessioni di una figlia alle prese con una dolorosa resa dei conti con la madre morta nel racconto „Madre”. Quattro racconti, rappresentati con le suggestioni di cui è capace il teatro, che vogliono essere un omaggio ma soprattutto anche un invito, pressante, a leggere o rileggere questa autrice, così radicalmente legata alla sua terra, e al tempo stesso così universale nel raccontare la complessità e la bellezza della commedia umana.

Mario Brandolin

/

SLOŽENOST LJEPOTE LJUDSKE DRAME

Zašto kazališno uprizoriti četiri priče Nelide Milani? Zašto prilagoditi sceni tekstove koji su napisani radi onog prekrasnog ispreplitanja koje se postiže čitanjem? Zašto pokušati ukalupiti u lik i glas likove i situacije koji s tiskanog lista, bez međa i prepreka, duboko angažiraju čitatelja i njegovu maštu? Ukratko, zašto pretvoriti u kolektivno iskustvo, što kazališna predstava jest, onaj intimni odnos, toliko jedinstven i osoban, koji nastaje između čitatelja i autora? Zbog toga što priče Nelide Milani, autorice koja se nikada nije okušala u dramskom tekstu, nisu samo prekrasne već i toliko ukorijenjene u jeziku koji je do te mjere živ da gotovo zahtijeva, poput Pirandellovih djela, vlastiti život, istupiti s tiskanog lista i oživjeti na sceni. Humanost, koju Milani opisuje, živi, pulsira autentičnošću: njezin prijenos na scenu čini se spontanim prirodnošću koja opravdava teatralnost. Čak i kad dijalog zamijeni naraciju u trećem ili prvom licu. Taj smo stilem sačuvali u predstavi, upravo radi naglašavanja ujedno i evokativne i konkretne moći pera i jezika Nelide Milani. Svaka od četiriju priča koje smo izdvojili za ovu našu „Miscellaneu” izvrsno oslikava duboku poetiku pulske autorice; tematska uporišta – mukotrpna potraga za identitetom, hvatanje u koštac s dramatičnim događajima poput egzodusa, teret teškoga djetinjstva ili često konfliktni odnosi s drugima – bez napora ožive na sceni unutar narativne strukture kratkog prizora. Tu su neočekivani preokreti na kraju radnje, kao u priči „Susret“, kada se otac i sin sretnu, a njihova potreba za ljubavlju nenadano popusti pred gorčinom i bijesom, u „Jedinstvu i trojstvu“ je nezaustavljiva moć ljubavi, a pričom „Vinko“ dominira tragikomičan lik majke izjedane opsesivno-posesivnom ljubavlju spram sina. Emotivnim monologom tijeka svijesti postaje ispovijed kćeri u bolnom obračunu s mrtvom majkom u priči „Majka“. Četiri priče, ispričane kroz sugestije koje može pružiti teatar, kao hommage, ali prvenstveno kao poziv da se upozna ili opet pročita ovu autoricu, suštinski vezanu za svoju zemlju, a opet toliko univerzalnu u pripovijedanju složenosti ljepote ljudske drame.

Mario Brandolin

Scrittrice e linguista, nasce a Pola (Croazia) nei delicati anni dell’Esodo, tema che ritornerà sempre nei suoi racconti e romanzi di cui diventerà testimone. Tra i massimi esponenti della letteratura della minoranza italiana, la Milani si laurea alla Facoltà di Lettere dell’Università di Zagabria, insegna italiano e francese al Liceo croato di Pola. Nel 1979, dopo la specializzazione in sociolinguistica ricopre la cattedra di linguistica generale e di semantica alla Facoltà di Pedagogia dell’Università di Pola. Per anni è vicepreside e responsabile della Sezione Italiana presso la Facoltà di Lettere e Filosofia. In età matura si avvicina alla narrativa e dopo una serie di approcci su giornali e riviste riceve per cinque stagioni consecutive il Premio Istria Nobilissima per i racconti lunghi-romanzi brevi, il che la invoglia ancora di più alla scrittura. La sua narrativa rompe i confini e nel 1991 la casa editrice Sellerio pubblica col titolo ”Una valigia di cartone”, una sua raccolta di racconti. L’anno successivo l’opera si impone al Premio Mondello, ottenendo un buon successo editoriale. Ma è nel 1998 con ”Bora”: un romanzo autobiografico – scritto con Anna Maria Mori – sulle tormentate vicende della terra istriana viste attraverso gli occhi di una esule – Anna Maria Mori – e di una “rimasta” – Nelida Milani, che la sua fama accresce grazie anche ai numerosi premi quali il Premio Rapallo Carige per la donna scrittrice, il Premio Nazionale Alghero Donna di Letteratura e Giornalismo per la sezione narrativa nel 1999, il Premio Costantino Pavan di San Donà di Piave, il Premio Chiantino.
Negli anni, Nelida Milani si è imposta come “uno dei massimi esponenti della cultura della Comunità Nazionale Italiana di Croazia e Slovenia” (Forza): è uno dei pochissimi italiani autoctoni della ex Jugoslavia ad essere pubblicato anche in Italia.

/

Književnica i lingvistica, rođena u Puli za vrijeme egzodusa, što je ponavljajuća tema njenih romana i novela. Jedna od najvećih predstavnica književnosti talijanske nacionalne manjine u Hrvatskoj, diplomirala je književnost pri Filozofskom fakultetu u Zagrebu. Nakon diplome predaje talijanski i francuski jezik u Pulskoj gimnaziji. Nakon specijalizacije 1979. prelazi na Katedru lingvistike i semantike pri Fakultetu pedagogije u Puli. Bila je dugi niz godina prodekanica na Filozofskom fakultetu u Puli i voditeljica Odsjeka za talijanistiku. U zrelim godinama počela je pisati za razne novine i časopise te nakon prvotnih pokušaja dobiva nagradu Istria nobilissima za duge priče-kratke romane čak pet sezona za redom. Njena književnost prelazi granice, te 1991. godine izdavačka kuća Sellerio u Milanu izdaje zbirku priča „Kartonski kofer”. Veliki uspjeh donosi joj autobiografski roman „Bura” pisan zajedno s Annom Mariom Nori gdje se obrađuje tema egzodusa kroz perspektivu jedne prognanice i jedne „ostale”.
Nelida Milani potvrdila je svoju slavu zahvaljujući brojnim nagradama kao što su nagrada Rapallo Carige, nacionalna nagrada Alghero, nagrada Costantino Pavan, te nagrada Chiantino. Jedna je od rijetkih autohtonih Talijanki ex Jugoslavije čija su djela izdana u Italiji.

UNA CONDIZIONE ESISTENZIALE DI SPAESAMENTO ANCORA PRESENTE NEL NOSTRO DNA

Dopo la messa in scena di Bora diverse stagioni fa, il Dramma Italiano dedica un altro progetto a Nelida Milani: scrittrice e linguista sensibile, una dei massimi esponenti della cultura della Comunità Nazionale Italiana di Croazia e Slovenia, pubblicata e premiata a livello internazionale e da anni collaboratrice di spessore di tutte le riviste della minoranza.
Lo spettacolo ripercorre con semplicità e profondità i temi a lei cari quali l’esodo, la tragedia dei rimasti, lo sradicamento fisico e psicologico delle persone travolte dalla storia che trovano nella memoria e nella forza della quotidianità un’àncora a cui aggrapparsi.
Nelida ci insegna il potere della lingua e delle parole che sono in grado di esprimere amore e sentimenti ma possono anche essere utilizzate dai potenti per indebolire l’identità e manipolare le menti delle persone e la loro percezione della realtà.
Nelida Milani attraverso un linguaggio metaforico descrive, usando un approccio autobiografico, la terra istriana e l’esodo, affrontando tematiche attuali riguardanti tutte le terre di confine. Attraverso la sua scrittura sposta il nostro focus all’interno di problematiche ormai globali e fenomeni diffusi a livello mondiale.
Con questo progetto desideriamo dare voce ai nostri autori e affrontare attraverso il teatro temi cari alla nostra comunità in quanto la nostra storia non è una questione circoscritta al nostro privato ma riguarda una dimensione collettiva, una condizione esistenziale di spaesamento e sradicamento ancora presente nel nostro DNA.

Leonora Surian Popov
Direttrice f.f. del Dramma Italiano

/

EGZISTENCIJALNO STANJE IZGUBLJENOSTI UTKANO U NAŠ DNA

Nekoliko sezona od uprizorenja „Bure“, Talijanska drama posvećuje novi projekt Nelidi Milani, spisateljici i jezikoslovki posebnog senzibiliteta, prvakinji kulture Talijanske nacionalne manjine u Hrvatskoj i Sloveniji, autorici čija su djela objavljivana u zemlji i inozemstvu, nagrađivana međunarodnim priznanjima, dugogodišnjoj istaknutoj suradnici manjinskih publikacija.
Predstava na jednostavan način prikazuje duboke teme za koje je autorica vezana: egzodus, tragedije onih koji su ostali, fizička i psihološka iskorijenjenost osoba koje je povijest zdrobila svojim žrvnjem, a koje iz sjećanja i iz svakodnevice crpe spas.
Nelida nas uči da jezik i riječi imaju snagu, mogu izraziti ljubav i osjećaje, ali da ih također moćnici rabe kako bi oslabili identitet i manipulirali umovima ljudi i njihovom percepcijom zbilje.
Finim tkanjem metafora i autobiografskim pristupom Nelida Milani opisuje Istru i egzodus, a pritom i suvremene teme vezane uz sve pogranične zemlje. Vođena njezinim riječima, naša se pažnja posvećuje problemima koje su danas poprimile globalne razmjere.
Želja nam je da ovim projektom damo glas našim književnicima te istaknemo kroz teatar teme koje su drage našoj zajednici, jer naša povijest nije privatno već kolektivno pitanje, egzistencijalno stanje izgubljenosti i iskorijenjenosti koje suštinski nosimo u sebi.

Leonora Surian Popov
V.d. ravnateljice Talijanske drame