ALFA ROMEO JANKOVITS
Laura Marchig

Regia / Režija:
Scenografie / Scenografija:
Coreografie / Koreografija:
Costumi / Kostimi:
Disegno luci / Oblikovanje svjetla:
Progettista del suono / Oblikovatelj zvuka:
Interpreti / Uloge:

Coproduzione / Koprodukcija: TNC “Ivan Zajc” / HNK Ivana pl. Zajca Rijeka, Golden Show srl Impresa Sociale, Teatro Rossetti Stabile del Friuli Venezia Giulia, Associazione Culturale Tinaos

 

Si ringraziano i partner che hanno sostenuto il progetto e finanziato il lavoro di ricerca storico:
Organizzazione culturale Fedra art project
Associazione Stato Libero di Fiume
/
Zahvaljujemo partnerima koji su podržali projekt i financirali povijesno istraživanje:
Umjetnička organizacija Fedra art projekt
Udruga Slobodna Država Rijeka

 

“Il Dramma Italiano ha portato in scena, dunque, il progetto di Laura Marchig, “Alfa Romeo Jankovits”, con la regia di Tommaso Tuzzoli, destando un successo di pubblico che non si vedeva ormai da tanto tempo.”
Stella Defranza, La voce del popolo
/
“Talijanska je drama dovela na pozornicu projekt Laure Marchig, „Alfa Romeo Jankovits”, u režiji Tommasa Tuzzolija, izazvavši uspjeh kod publike koji se dugo nije viđao.”
Stella Defranza, La voce del popolo

 

Sottotitolato / S TITLOVIMA NA HRVATSKOM JEZIKU

 

Durata spettacolo un’ora e quaranta minuti / Predstava traje jedan sat i četrdeset minuta

 

Come spesso accade in teatro mi fu fatta leggere una prima stesura del testo e mi apparve subito lampante la forza di questa storia vera dei fratelli Jankovits che ha dell’incredibile.
Da un lato c’era il fervore, la vitalità e l’entusiasmo di una città, dall’altro le conseguenze tragiche derivanti dal secondo conflitto mondiale.
Questi fattori mi hanno successivamente portato a interessarmi di quello che la città offriva in termini di innovazione e sempre di più fatto addentrare nelle vicende della famiglia Jankovits.
Il silenzio venutosi a creare intorno alle vicende dei fratelli Jankovits e di come la Storia avesse travolto le loro vite, sottraendo importanti affetti familiari fino alla paternità della loro creazione, ha smosso in me qualcosa di profondo. Qualcosa che lega la memoria delle storie passate mai raccontate, agli in-visibili del nostro presente e alla necessità del raccontare di cui il teatro si nutre.
Il sogno. La capacità di questi due fratelli di sognare ad occhi aperti e riuscire a realizzare l’oggetto del loro desiderio. L’Alfa Romeo 6 cc 2300 per loro credo nascondesse anche altro.
Eugenio e Oscar Jankovits erano cresciuti con la nonna paterna e il secondo marito della nonna che aveva cresciuto anche loro padre, Mattia, morto giovane durante la prima guerra mondiale. Dagli appunti di Marisa Jankovits trascritti da Enrico, entrambi figlia e figlio di Eugenio, prende le mosse la nostra storia. Appunti che vivono delle vicende e delle abitudini della famiglia e all’interno dei quali abbiamo scoperto la grande passione per le auto da parte del padre dei nostri due protagonisti. La condivisione di una passione crea un legame anche se lontano nello spazio e nel tempo e credo che i nostri due personaggi si aggrappassero a ciò per tenere viva l’immagine di un padre perso quando erano ancora troppo piccoli. Ci piace immaginare inoltre che la ricerca della velocità per loro due rappresentasse anche la scoperta di altri luoghi, la riduzione delle distanze tra paesi, tra popoli, il dialogo tra culture, la possibilità di ammirare altra bellezza.
La storia ha in sé dell’incredibile se pensiamo che due fratelli, mossi dal fuoco sacro, riescono a realizzare da soli in quattro anni dal 1935 al 1939 un esemplare di auto unica per l’innovazione aerodinamica e nonostante il vortice della guerra li abbia travolti, cambiando il loro sguardo sul mondo, misero prima in salvo la propria famiglia e poi loro stessi. Fuggirono da Fiume a Trieste a bordo della loro auto la notte della vigilia di Natale del 1946. Il sogno dell’auto diviene sogno di salvezza ma anche dolorosa separazione dalla propria terra.
Questo lavoro è un lavoro incentrato sul tema della trasmissione. La trasmissione della memoria di queste vicende si devono ai figli di Eugenio. A Marisa che ha appuntato in un suo diario tutto ciò che ricordava e a Enrico, partito a solo sei mesi da Fiume, che ha trascritto gli appunti e a fornito altre informazioni sugli avvenimenti. Grazie al loro essere testimoni diretti o indiretti e al lavoro di Laura Marchig abbiamo potuto riportare alla luce questa storia.
A tutto l’ensamble del Dramma Italiano va il mio grazie per aver condiviso un percorso vitale e delicato, violento e divertente, dentro queste vite non immaginarie ma reali a cui si sono sovrapposte le memorie personali degli stessi attori che si intrecciavano alla storia dei personaggi e di questa città.
Cosa vorrei si restituisse di questo percorso? Lo stesso respiro di condivisione e fiducia, vissuto durante le prove, che ci permette di raccontare ciò che altrimenti resterebbe nel silenzio.

Čim sam dobio na čitanje prvu skicu teksta, odmah me obuzela snaga ove fascinantne istinite priče o braći Janković. S jedne strane, osjeti se žar, vitalnost i entuzijazam grada, a s druge strane tragične posljedice proizašle iz Drugog svjetskog rata.
Te su me činjenice dodatno zainteresirale za ono što ovaj grad nudi u smislu inovacija, a još više su me navele istraživati događaje u obitelji Janković.
Tišina koja je nastala oko priče o njima i to kako je povijest zatrla njihove živote, oduzimajući im temeljnu obiteljsku toplinu i “očinstvo” njihovog izuma, pokrenula je nešto duboko u meni – nešto što veže sjećanja na sve priče iz prošlosti koje nikada nisu ispričane, nevidljive našoj sadašnjosti i potrebu za pričanjem tih priča kojima se kazalište hrani.
Impresionira me san dvojice braće, njihova sposobnost da sanjare i ostvare svoje želje. Vjerujem da se iza Alfa Romeo 6 cc 2300 skrivalo i nešto drugo.
Eugenio i Oscar Janković odrasli su s bakom po ocu i bakinim drugim mužem koji je odgojio i njihova oca Mattiu, koji je umro mlad tijekom Prvog svjetskog rata. Naša priča polazi od bilješki Marise Janković što su ih prepisivali Enrico Janković, Eugeniovi kći i sin. U bilješkama o stvarnim događajima i navikama u obitelji otkrili smo golemu strast oca naših dvojice protagonista prema automobilima. Kada netko dijeli istu strast, to stvara veze, čak i kada je daleko u prostoru i vremenu, a vjerujem da su se njih dvojica držala toga kako bi održali na životu sliku oca kojeg su izgubili u ranoj mladosti. Volim misliti i da je njihova potraga za brzinom njima predstavljala i otkrivanje drugih mjesta, smanjenje udaljenosti između zemalja, između ljudi, da je značila dijalog između kultura i mogućnost divljenja drugim ljepotama.
Priča je nevjerojatna ako pomislimo da dva brata, kao pogonjena svetom vatrom, uspijevaju potpuno sami u četiri godine, od 1935. do 1939., stvoriti primjer jedinstvenog automobila za napredak aerodinamike. I unatoč tome što ih je pogodio ratni vihor i promijenio njihov pogled na svijet, prvo su spasili svoju obitelj, a zatim sebe. Iz Rijeke su pobjegli u Trst vlastitim automobilom u noći na Badnjak 1946. godine. San o automobilu postao je san o spasenju, ali i bolnom odvajanju od domovine.
Ovo je djelo usredotočeno na prenošenje priče. Za prenošenje sjećanja na ove događaje zaslužna su Eugenijeva djeca. Zaslužna je Marisa koja je u svoj dnevnik zapisala sve čega se sjećala, te Enrico, koji je sa samo šest mjeseci otišao iz Rijeke, a koji je prepisao bilješke i pružio i brojne druge informacije o događajima. Zahvaljujući njihovom izravnom ili neizravnom svjedočenju te radu Laure Marchig, uspjeli smo iznijeti ovu priču na vidjelo.
Zahvaljujem cijelom ansamblu Talijanske drame što su sa mnom podijelili ovo životno i nježno, nasilno i zabavno putovanje, u okviru neizmišljenih nego stvarnih života ljudi čija su se osobna sjećanja ispreplela kroz glumce koji predstavljaju priču o bitnim ljudima iz povijesti ovoga grada.
A što bih ja želio prenijeti s ovog putovanja? Isti žar dijeljenja i povjerenja, doživljen tijekom proba, koji nam omogućuje da kažemo ono što bi inače ostalo u tišini.

Foto & Video galerija

Medijski pokrovitelj Talijanske drame /

Partner mediatico del Dramma italiano