DECAMERON / DEKAMERON
Giovanni Boccaccio – Luciano Delprato

Il Dramma Italiano in collaborazione con il Dramma Croato / Talijanska drama u suradnji s Hrvatskom dramom

 

“La performance è comparabile alle ali di una farfalla: leggera, svolazzante, profondamente sensibile e vissuta, con tanto di risate, calore, malinconia e desiderio di umanità, quella che oggi sembrano volerci togliere.”
Gloria Fabijanić Jelović, Vijenac
/
“Izvedba je bila poput leptirovih krila, lagana, lepršava, duboko osjećajna i proživljena, s mnogo smijeha, topline i sjete, čežnje za ljudskošću, onom koju nam danas kao da žele oduzeti.”
Gloria Fabijanić Jelović, Vijenac

 

Sottotitolato / S TITLOVIMA NA HRVATSKOM JEZIKU

 

Lo spettacolo dura 2 ore e 30 ca., con intervallo. / Predstava traje oko dva i pol sata, izvodi se s jednom pauzom.

 

VOGLIA DI SOPRAVVIVERE

Leggerezza o peso? Questo è il problema. La tradizione occidentale ci insegna che lo spirito è la nostra metà migliore proprio per la sua leggerezza. Libero dal peso del corpo che ci tiene inchiodati a terra, è più vicino all’aria, al cielo, a Dio.
Il Dio dell’Antico Testamento si manifesta sempre disincarnato, come verbo, voce o parola, come il soffio vitale che ravviva l’argilla immobile. La carne, al contrario, è solo un richiamo alla nostra triste origine animale, ché circonda l’anima come una prigione, condannandoci a trascinare il nostro peso attraverso il mondo; scendendo prima sulla terra e poi ancora più in basso, all’inferno.
Questo argomento, forse ingenuo e antiquato a prima vista, acquista una nuova importanza nei tempi delle misure di isolamento sanitario, nella tirannia del politicamente corretto e nella virtualizzazione della vita sociale. Il corpo è un campo di battaglia nel quale epidemiologi, politici e pubblicisti combattono per controllare il nostro futuro.
Come sarà il futuro se la pelle, il respiro e la saliva perderanno la sensualità e diventeranno solo un’arma di intimidazione del nemico; cosa succederà se il corpo dell’altro cesserà di essere un territorio del desiderio; se la stretta di mano, l’abbraccio, la carezza e il bacio saranno proibiti dalla legge? Come ci occuperemo del prossimo? Quale faccia avrà l’amore domani?
Quando ci troviamo di fronte a domande che richiedono risposte urgenti, e alle quali allo stesso tempo è impossibile rispondere, volgiamo lo sguardo verso i classici. Spulciando maldestramente e delicatamente nella raccolta di storie che Boccaccio dalla sua Firenze ha regalato al mondo intero, e insieme ad un cast di attori strepitosi, ci siamo messi alla ricerca di risposte impossibili e urgenti. Ovviamente non ne abbiamo trovate.
Noi, cari spettatori, non abbiamo nulla da condividere con voi se non la nostra ostinata volontà di sopravvivere, e ancor di più, di farlo ad alta voce. Il suono delle risate nei canali uditivi e il tremito del piacere sulla pelle. La pressione di un abbraccio sul petto e la sensazione di calore nell’orecchio mentre ti avvicini a una bocca che ti svelerà un segreto. Cose che solo il corpo, pesante e con i piedi per terra, può conoscere.

/

VOLJA DA PREŽIVIMO

Što je bolje, lakoća ili težina? Zapadna tradicija uči da je duh zbog svoje lakoće naša bolja polovica. Slobodan od težine tijela koja nas drži prikovanima za zemlju, bliže je zraku, nebu, Bogu. Starozavjetni se Bog uvijek očituje bestjelesno, kao glagol, kao glas ili riječ, kao dah života koji oživljava nepokretnu glinu. Nasuprot tome, meso bi bilo samo naše tužno animalno podrijetlo koje okružuje dušu poput tamnice, osuđujući nas da vlastitu težinu vučemo svijetom; spuštajući se prvo na zemlju, a zatim još niže, do pakla. Ovaj argument, na prvi pogled možda naivan i staromodan, dobiva obnovljenu snagu u vremenima mjera zdravstvene izolacije, tiranije političke korektnosti i virtualizacije društvenog života. Tijelo je bojno polje, gdje epidemiolozi, političari i publicisti danas ratuju za kontrolu budućnosti. Kako će izgledati budućnost ako koža, dah i slina izgube senzualnost i postanu samo oružje zastrašivanja neprijatelja: A što će se dogoditi ako drugo tijelo prestane biti teritorijem žudnje; ako su rukovanje, zagrljaj, milovanje i poljubac zakonom zabranjeni? Na koji ćemo se način brinuti o drugome? Kakvo će lice ljubav imati sutra? Kada se nađemo pred pitanjima koja traže hitne odgovore, a istodobno je na njih nemoguće odgovoriti, pogled usmjeravamo ka klasici. Nespretno i nježno prebirući po zbirci priča koju je Boccaccio iz Firence dao cijelom svijetu, sa zadivljujućom smo glumačkom ekipom krenuli u potragu za nemogućim i hitnim odgovorima. Naravno, pronašli nismo niti jedan. Mi, draga gledateljice ili dragi gledatelju, nemamo što podijeliti s tobom, osim naše tvrdoglave volje da preživimo, pa čak i više od toga, da to učinimo naglas. Zvuk smijeha u ušnim kanalima i drhtaj užitka na koži. Pritisak zagrljaja na prsima i osjećaj vrućine u uhu kada se približavaju usta koja će ti reći tajnu. Stvari koje samo tijelo, teško i prizemljeno, može znati.

 

Foto & Video galerija